Quando a far paura non sono gli alieni, ma l’uomo

Emmanuel Carrère ha un grande dono. Non si discute la sua maestria nel narrare (sino al recente A Calais) ma ciò che colpisce è la capacità di celarsi nei suoi romanzi-biografici, risalendo in superficie nel bel mezzo del racconto delle travagliate esistenze dei suoi protagonisti. Oggi i lettori affascinati dal racconto di Eduard Limonov e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.