Pubblicitari, spremete di più le meningi

Cari pubblicitari, ultimamente vi siete sbizzarriti. Cos’è, le ristrettezze della crisi aguzzano l’ingegno? Per risuscitare i consumatori tocca inventarsi la qualunque? Avete cominciato con lo spot-scandalo del Buondì Motta e la bella idea (senza ironia) dell’asteroide che colpisce prima la madre e poi il padre di una tenera bimba bionda (con ironia). Ora mica vorrete lasciarla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.