Provenzitto

Lui sapeva chi erano i consulenti esterni (spioni, politici, imprenditori e neofascisti) della commissione regionale di Cosa Nostra che Totò Riina riunì tra l’ottobre 1991 e il gennaio 1992 in una masseria presso Enna per progettare la strategia eversiva a suon di bombe da attuare se a gennaio la Cassazione avesse confermato le condanne dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.