Proteste contro il gasdotto Tap e l’espianto degli ulivi in Salento. Emiliano sta con i manifestanti

Proteste contro il gasdotto Tap e l’espianto degli ulivi in Salento. Emiliano sta con i manifestanti

Dovevano riprendere ieri mattina le operazioni di espianto di circa 200 ulivi nella meravigliosa zona costiera di Melendugno (Lecce) previste per la costruzione dell’approdo del gasdotto Tap (Trans Adriatic Pipeline) che trasporterà gas naturale dell’Azerbaijan all’Italia e all’Europa. Già lunedì, al primo giorno di apertura del contestatissimo cantere, c’erano stati i primi incidenti, con un’aggressione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.