Profughi, prossima partenza: Burundi

Censure, violenze e sparizioni: nel paese dei Grandi Laghi c’è una guerra “silenziosa” contro l’opposizione. Chi può è costretto a fuggire verso l’Europa
Profughi, prossima partenza: Burundi

Una crisi silenziosa quella del Burundi che non fa notizia – o poco – sul mainstream dell’informazione, sommerso dai flussi di migranti provenienti dalla Siria e da altri teatri di conflitto in Medio Oriente e in Africa. Eppure il paese è teatro di violenze. È passato un anno dalla decisione del presidente Pierre Nkurunziza – […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.