Primo Levi, l’uomo che manca da trent’anni

Il suo corpo venne ritrovato l’11 aprile 1987 in fondo alle scale della sua casa torinese. Era sopravvissuto allo sterminio di Auschwitz
Primo Levi, l’uomo che manca da trent’anni

Trent’anni fa moriva suicida nella sua casa di Torino Primo Levi. Scrittore, chimico, partigiano, fu deportato nel campo di concentramento di Auschwitz nel febbraio del 1944. Sopravvissuto al lager e tornato in Italia con un viaggio tortuoso, narrato nel suo romanzo “La tregua”, iniziò l’opera di narrazione delle atrocità vissute. Nel suo libro d’esordio, uno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.