“Prima i nostri professionisti”, perché il Ticino teme gli italiani

Ragioni economiche. Da lavoratori sottopagati a figure qualificate, i frontalieri minacciano i salari della borghesia svizzera, che reagisce
“Prima i nostri professionisti”, perché il Ticino teme gli italiani

Quale sia il problema lo spiegano all’Organizzazione cristiano sociale ticinese (Otsc), il principale sindacato unitario del Ticino: “Prendiamo gli edili, che hanno un contratto di categoria: un muratore o un geometra disegnatore di cantiere prendono tra i 3.800 e i 4.800 franchi al mese. L’architetto, che non ha un salario minimo contrattuale, ormai ne prende […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.