“Presidente, Presidente!” L’ultimo saluto a Rodotà

Il giurista ricordato nell’aula 101 della Sapienza, dove ha iniziato i suoi studi Fuori, un applauso lungo mezzora, il canto “Bella Ciao” e l’acclamazione per il Colle mancato
“Presidente, Presidente!” L’ultimo saluto a Rodotà

L’ultimo saluto a Stefano Rodotà è un applauso ininterrotto, di mezzora. Sulla scalinata all’ingresso della facoltà di Giurisprudenza, nella città universitaria della Sapienza, si raccoglie una folla composta. Ci sono rappresentanti delle istituzioni, accademici, studenti, persone comuni. L’applauso accompagna il passaggio del feretro, continua per minuti e minuti, si scioglie in un canto: “Bella ciao”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.