Prescrizione: ascolti i suoi, caro ministro

Questo giornale da sempre sostiene che una seria riforma della prescrizione non può prescindere dalla considerazione che tale istituto – che non ha nulla a che vedere con il principio costituzionale della “ragionevole durata dei processi”, che esprime un diverso valore giuridico – costituisce una ipotesi di rinunzia dello Stato ad esercitare la pretesa punitiva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.