Prendete e mangiate in pochi. A Roma il voto fa gnam gnam

Destra o sinistra basta che “se pappa”. Nella Capitale è tempo di pranzi, cene e buffet elettorali. Quella volta di Marchini a tavola con Bettini, nel 2001: dal Bottegone comunista alla Mussolini capolista. La voracità delle mandibole ex missine: Alemanno, Gasparri, Gramazio e Fini
Prendete e mangiate in pochi. A Roma il voto fa gnam gnam

Il cibo ostentato, masticato, sprecato è la cifra regina del Potere fotografato da Umberto Pizzi in questi decenni. A Roma, ovviamente. La città dei Palazzi e che adesso affronta la prova elettorale più pazza e incerta dopo le peripezie di Ignazio Marino e l’inchiesta sul malaffare rossonero di Mafia Capitale. Amministrare la Città Eterna è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.