Povero Shakespeare, da pastorale

“Come vi pare” per essere un allestimento che vuol far ridere, è troppo poco serio. La comunità nella foresta diventa una comune hippie e si scherza persino sulle coppie di fatto
Povero Shakespeare, da pastorale

Va bene fare di una commedia pastorale una farsa pecoreccia, ma non va bene se la presa in giro di Shakespeare e dello spettatore diventa disprezzo dello spettatore, e basta. Va bene che “oggi in Italia l’evento mediatico più elisabettiano lo fa Maurizio Crozza”, come dice il regista Leo Muscato, ma non va bene abusare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.