Povera, vecchia e disuguale. L’Italia 2015 secondo Istat

Crescono le famiglie indigenti e i minori a rischio, giovani sempre meno occupati e coinvolti, welfare inefficiente
Povera, vecchia e disuguale. L’Italia 2015 secondo Istat

Cinque capitoli, 300 pagine, un’istantanea desolante del presente, preoccupante del futuro. Difficile che Matteo Renzi si legga per intero il rapporto annuale Istat 2016, presentato ieri, ma potrebbe anche fermarsi a metà e scoprire questo: “Le dinamiche demografiche non comporteranno un miglioramento dell’utilizzo dell’offerta di lavoro, pur in presenza di un modesto aumento occupazionale. Nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.