“Posti di lavoro per avere i voti”. Tre arresti nella Lega siciliana

L’ex sindaco di Monreale, incandidabile, ha fatto eleggere al suo posto il fratello. L’onorevole: “Mica buttiamo 7000 voti”. “Promessi impieghi nei supermercati”
“Posti di lavoro per avere i voti”. Tre arresti nella Lega siciliana

Un ex deputato di An condannato in giudicato e impossibilitato a candidarsi ma possessore di un pacchetto di “migliaia di voti”, l’ideona di mettere in lista il fratello, indicato con il nome del congiunto e senza foto nei manifesti ingannando gli elettori, e poi una serie sterminata di voti di scambio, offerte di posti di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.