Posti di lavoro falsi in cambio di voti: consigliere nei guai

Posti di lavoro falsi in cambio di voti: consigliere nei guai

Quattro anni e mezzoin primo grado. È la sentenza del Tribunale di Reggio Calabria davanti al quale si è celebrato il processo a carico dell’ex consigliere regionale Antonio Rappoccio (Pri), accusato di corruzione elettorale e associazione a delinquere. L’inchiesta è nata grazie alle denunce dell’ex consigliere Aurelio Chizzoniti, primo dei non eletti alle regionali del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.