Pos obbligatorio, la storia di una rivoluzione già vecchia

Il fisco punta sull’e-payment per combattere l’evasione, ma manca ancora il decreto
Pos obbligatorio, la storia di una rivoluzione già vecchia

“Il bancomat è rotto”, “Qui si paga solo in contanti”, “Ricevuta o sconto?”. È lunga e lenta la marcia di addio ai contanti che l’Italia ha ufficialmente intrapreso il 30 giugno 2014, quando è entrata in vigore la norma che impone a commercianti e professionisti di “accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito”. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.