“Poker, alba, politica e amici: i miei 50 anni di vita da attore”

“Sì, ancora mi riconoscono con il Ligabue della televisione, ma la mia vita è il teatro, con i suoi ritmi. Volontè e Petri i miei riferimenti”
“Poker, alba, politica e amici: i miei 50 anni di vita da attore”

Ogni suo sorriso è un film in miniatura, una perfetta sintesi di emozioni, ideali, provocazioni, sberleffi, una sorta di “non mi avrete mai”. Il “film” è con una bocca semichiusa, leggermente storta, un sussurro roco, e immediatamente uno ritrova Flavio Bucci, il Ligabue della televisione italiana, il don Bastiano nel Marchese del Grillo, lo stesso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.