Poesia, arte, laicità: i 300 anni del cimitero di Roma

Le sepolture acattoliche vicino alla Piramide Cestia nelle pitture di Munch, Turner, Hackert: “Uno sguardo alla morte dal lato più felice della tomba”
Poesia, arte, laicità: i 300 anni del cimitero di Roma

Al pari dell’erotismo, l’arte è tra le poche opera humanae (forse anche sovrumane) a essere più immortale della Storia, che in verità non è mai sovrumana, ma solo umana, in quanto fatta dagli uomini, e proprio in ragione di ciò a volte disumana. Come disumana è stata per secoli la sepoltura a Roma, terra consacrata, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.