Poche assunzioni, troppi imboscati: l’inferno degli agenti in carcere

Gli agenti penitenziari costretti a turni massacranti, la Cgil chiede l’intervento del ministro

Mentre in queste ore l’Italia si domanda se quella in carcere sia o non sia una “morte dignitosa”, c’è chi – ormai da tempo – denuncia le grosse difficoltà vissute quotidianamente dalle persone che negli istituti penitenziari lavorano. Una situazione al limite, che con l’estate alle porte mette in discussione persino la possibilità per gli […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.