Piombino ora rischia la fine: resta solo il ricatto di Rebrab

Dopo tre anni di promesse, l’algerino osannato da Renzi è inadempiente. Per evitare contenziosi, Calenda tratta per l’uscita. Ma c’è la grana conti (e poco tempo)
Piombino ora rischia la fine: resta solo il ricatto di Rebrab

L’ultimo episodio del declino della siderurgia italiana si svolge nel silenzio dei suoi vecchi attori. Chi ha messo il futuro delle acciaierie di Piombino nelle mani di avventurieri sconosciuti non è più in sella. La ex Lucchini – ora Aferpi – è di nuovo ferma. Il gruppo nordafricano Cevital, che due anni fa ha rilevato […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.