Piombino, 1.500 lavoratori fermano fabbrica e città

Piombino, 1.500 lavoratori fermano fabbrica e città

Sciopero generale ieri a Piombino. Alla rabbia dei lavoratori di Aferpi, l’impianto siderurgico ex Lucchini passato al gruppo Cevital dell’algerino Rebrab, si è aggiunta quella dell’indotto. In oltre 1.500 si sono mossi dalla fabbrica per un corteo che ha raggiunto l’ingresso della città dove un presidio durato ore ha bloccato il traffico. La manifestazione è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.