Pioggia, pub, birre, sigarette e pochi soldi: la grigia vita di una investigatrice privata

Pioggia, pub, birre, sigarette e pochi soldi: la grigia vita di una investigatrice privata

Di solito di un fumetto si ricorda il tratto del disegnatore, la sceneggiatura, il montaggio. I colori, invece, tendono a essere solo lo sfondo, un dettaglio che valorizza il resto. Nel caso di Maggy Garrison, invece, sono il centro di tutto, il principale strumento narrativo. Perché Lewis Trondheim e Stéphane Oiry ambientano le disavventure di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.