Pietropaoli rilegge Woodstock, 50 anni dopo

Con il suo Wire Trio ripropone Santana, The Who, Janis Joplin, Joan Baez, Jimi Hendrix
Pietropaoli rilegge Woodstock, 50 anni dopo

Acinquant’anni di distanza, Woodstock continua a essere fotografia di un’epoca, evento culminante, e finale, di un sentire collettivo diverso che sembrava destinato a cambiare la storia. Gli anni trascorsi forniscono ora la possibilità di tornare a guardarlo finalmente liberi dalle nebbie del mito. Infatti, se della cultura alternativa che nell’agosto 1969 portò oltre cinquecentomila giovani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.