Piccoli rispamiatori tosati, ma solo un po’: l’offerta dell’Ue che Roma tenta di rifiutare

Trattative - Obbligazionisti trasformati in azionisti di istituti in crisi. Premier contrario
Piccoli rispamiatori tosati, ma solo un po’: l’offerta dell’Ue che Roma tenta di rifiutare

Una sfida di nervi, con scivoloni pesanti e un dato di realtà: le trattative tra la Commissione Ue e il governo italiano, che vuole soccorrere il settore bancario, sono in stallo. Roma ha chiesto due cose: poter garantire la liquidità alle banche solventi e intervenire direttamente nel capitale degli istituti in difficoltà. Finora ha ottenuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.