Piazza San Pietro, i barboni e gli alti prelati che guardano altrove

Un’umanità coperta di stracci, l’indifferenza, il dolore da gadget che incanta i turisti
Piazza San Pietro, i barboni e gli alti prelati che guardano altrove

Seduta sul gradone in piazza San Pietro vorrei sentirmi nel centro della cristianità. Dovrei esserlo, quel che accade intorno invece mi restituisce il presagio oscuro dei giorni di fine impero. Intorno vedo solo i mercanti del tempio, il caos parla tutte le lingue, mi chiedo chi parla la lingua di Dio. Chi dovrebbe, va molto […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.