“Piacciono le ‘storie’ di foto: dopo 24 ore non lasciano traccia”

Giovanni Boccia Artieri - Il sociologo
“Piacciono le ‘storie’ di foto: dopo 24 ore non lasciano traccia”

Gli adolescenti non vogliono stare negli ambienti in cui stanno genitori o adulti come Facebook. Per questo è naturale il loro spostamento verso piattaforme simili, come Instagram”: Giovanni Boccia Artieri è un sociologo e insegna all’Università Carlo Bo di Urbino. Un social dove si condividono solo foto e video è percepito come “più intimo”? Sì, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.