“Permessi e benefici ai mafiosi. Così la nuova legge non va”

Il procuratore aggiunto di Messina, già direttore delle carceri, critica la riforma penale: “Testo ambiguo, il governo corregga”
“Permessi e benefici ai mafiosi. Così la nuova legge non va”

Sebastiano Ardita è procuratore aggiunto a Messina. Sempre in prima fila nella lotta alla mafia, è stato anche direttore del Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Ha letto il testo della riforma penale in discussione al Senato ed è preoccupato perché si prospetterebbero maglie larghe per i mafiosi detenuti che non sono all’ergastolo: “I mafiosi esenti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.