Perdonaci papà Coen, per il fascismo che ritorna

E no, caro Coen, questa volta non c’è Nord e Sud, perché il racconto di un frammento della vita di tuo padre che tu offri al lettore è troppo forte. Ho negli occhi la scena di quel ragazzo impaurito chiuso in un vagone, destinazione Germania, lavori forzati e morte. E poi le bombe, alleate e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.