Perdersi o salvarsi di fronte al dolore

Perdersi o salvarsi di fronte al dolore

Perdersi oppure salvarsi? Come funamboli sul filo dell’esistenza, i personaggi di Irène Némirovsky che sfilano in questi due volumi di Tutti i racconti sembrano oscillare in tale bilico, ora vincitori ora vinti nel zigzagante rischio che è vivere. A proporli oggi per la prima volta nella loro totalità e in una nuova traduzione è il […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.