Perché è quasi impossibile eleggere il nuovo Senato

Nello studio di Paolo Feltrin, docente di Scienza politica, tutti i nodi della riforma: dal caos sulla ripartizione dei seggi al “mistero” sulla scelta di chi mandare a Roma
Perché è quasi impossibile eleggere il nuovo Senato

Una riforma piena di buchi. Disseminata di articoli e commi che sembrano botole. Un ginepraio, che rischia di paralizzare le Regioni. È la legge costituzionale così come emerge dallo studio di Paolo Feltrin, docente di Scienza politica all’Università di Trieste. Su incarico della Conferenza dei presidenti dei consigli regionali, Feltrin ha lavorato per tre mesi […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.