Per il legale-sceriffo Tso, sbarre e trappole nel feudo di Alfano

L’ambientalista Arnone - Dopo la scarcerazione otto pm agrigentini hanno chiesto il trasferimento. Lui: “Sono un esercito in rotta”
Per il legale-sceriffo Tso, sbarre e trappole nel feudo di Alfano

Il lenzuolo è appeso al balcone del primo piano dello studio legale Arnone, a meno di cento passi dall’ingresso del Palazzo di Giustizia di Agrigento; c’è la foto di un leone infuocato e una scritta accanto: “Più male mi fate, più forte divento, più forte divento, più male farò”. Chi lo credeva piegato dal carcere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.