Per i ragazzi di “Robinù” conta solo il tempo tra un omicidio e l’altro

Possedere il “ferro” o fare gli spacciatori per essere rispettati: sono adolescenti senza un futuro
Per i ragazzi di “Robinù” conta solo il tempo tra un omicidio e l’altro

Come napoletano ho assistito con forte interesse a Robinù, il documentario girato da Michele Santoro nei luoghi più disperati della mia città e nel carcere minorile di Airola. Ha spinto il giornalista all’indagine, credo, lo sgomento di fronte al fatto che le cronache criminali si riempiono di nomi di adolescenti i quali non si esercitano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.