Per i piccoli resta l’operazione, il momento più complicato

Ve lo dice una che c’è passata: la ricetta di una “buona” separazione è la stessa di un buon matrimonio. E cioè affetto, stima reciproca, generosità, senso di protezione per i figli, capacità di perdonare e spirito positivo. Last but not least, stabilità economica. Il problema è che, se questi ingredienti ci sono, non ci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.