Per essere felici è meglio rinunciare a qualcosa

Per essere felici è meglio rinunciare a qualcosa

Per anni le banalità sulla “decrescita felice” hanno oscurato un dibattito millenario, quello sulla “buona vita” che riguarda anche i consumi. Bisogna rinunciare a qualcosa per essere felici? O siamo come gli individui dei modelli economici, il cui benessere aumenta al crescere dei beni disponibili? Il filosofo Emrys Westacott affronta queste questioni senza un approccio […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.