Per Edda la rivoluzione è stata una deliziosa utopia

Per Edda la rivoluzione è stata una deliziosa utopia

Capisce di aver toccato il fondo quando, durante l’ultima esibizione con la sua storica band, i Ritmo Tribale, sconvolto, sotto l’effetto dell’eroina, vomita in faccia al batterista per un gesto che più punk non si può. Da quel momento – siamo nel 1996 – Edda, nome d’arte di Stefano Rampoldi, decide di abbandonare il gruppo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.