» Cronaca
venerdì 22/07/2016

“Peppazzo” latitante fugge e si rompe un braccio: catturato

“Peppazzo” latitante fugge e si rompe un braccio: catturato

Lo chiamano “Peppazzo” ed è uno dei pezzi da novanta dei “Carni i cani”, un ramo della cosca Alvaro di Sinopoli, in provincia di Reggio Calabria. Figlio del boss don Carmine, il trentaquattrenne Giuseppe Alvaro era latitante dal 2009 quando riuscì a fuggire all’arresto nell’ambito dell’operazione “Virus”. La polizia di Stato lo ha arrestato nella […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Rcs, tre esposti sull’Opas di Cairo

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento
Cronaca
Racket in Sicilia - Beffa - Erano stati arrestati il 22 gennaio

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento

L’agente provocatore ci serve
Cronaca
L’intervento

L’agente provocatore ci serve

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×