“Peppazzo” latitante fugge e si rompe un braccio: catturato

“Peppazzo” latitante fugge e si rompe un braccio: catturato

Lo chiamano “Peppazzo” ed è uno dei pezzi da novanta dei “Carni i cani”, un ramo della cosca Alvaro di Sinopoli, in provincia di Reggio Calabria. Figlio del boss don Carmine, il trentaquattrenne Giuseppe Alvaro era latitante dal 2009 quando riuscì a fuggire all’arresto nell’ambito dell’operazione “Virus”. La polizia di Stato lo ha arrestato nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.