Pensando all’immigrato ignoto trattenuto in Libia

Caro Furio Colombo, bloccati nel deserto o in Libia. E poi? Marcello   Non so rispondere e non credo che nessuno saprebbe rispondere. I campi di concentramento sono sempre peggio di una prigione perché non hanno regole e sono governati dall’arbitrarietà e dall’improvvisazione, di solito crudele. Una grande concentrazione di esseri umani senza leggi e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.