Peli superflui

Leggo sempre Michele Serra, perché siamo un po’ amici e perché lo trovo intelligente anche quando non lo condivido. Cioè quasi sempre, specialmente nell’ultima fase depresso-bartaliana (è tutto sbagliato, è tutto da rifare). Ieri Serra ha ricordato sul Venerdì qual era la sua posizione, tanto sacrosanta quanto solitaria in casa Repubblica, dopo il 4 marzo: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.