Pedopornografia e scatti rubati: come nasce “La Bibbia” del web

Migliaia di file. E ci sono anche minorenni. C’è chi regala i video delle ex e chi “spia” nei bagni. Ma anche adolescenti che vendono le loro foto
Pedopornografia e scatti rubati: come nasce “La Bibbia” del web

Venti dollari a chi mi trova il link de La Bibbia 3.0”: post del 13 maggio 2016. Mentre sul web già era possibile reperire La Bibbia 3.0, il maxi archivio di oltre 3 giga e contenente almeno 10 mila file tra foto e video pornografici, nella darknet (la parte di internet dove non arrivano i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.