Peccato, il ministero ha scelto proprio il Caproni sbagliato

Peccato, il ministero ha scelto proprio il Caproni sbagliato

Sia chiaro: il Novecento letterario italiano è molto meglio rappresentato dai poeti che dai prosatori. E ce ne sono alcuni di grandissimi: Dino Campana, Aldo Palazzeschi, Eugenio Montale, Umberto Saba, il primo Ungaretti, Sergio Solmi e, più vicini negli anni, Vittorio Sereni, Giorgio Caproni e il meno noto ma delizioso Luciano Erba. Alzi la mano […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.