Pd, tutto fermo. Lo stanco rito dell’assemblea

L’appuntamento va mezzo deserto. Il premier parla di esteri e congela le scelte fino al referendum
Pd, tutto fermo. Lo stanco rito dell’assemblea

Discutere di Europa non significa eliminare il dibattito interno al Pd, ma la possibilità di essere credibili con noi stessi”. Matteo Renzi mette le mani avanti, iniziando il suo intervento all’Assemblea del Pd, ieri, a Roma. Le note dell’Inno nazionale, che il segretario canta a squarciagola non fanno altro che accentuare l’atmosfera straniante della riunione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.