Pd, il tendine d’Achille è la legge elettorale: meglio non parlarne

All’Ergife è show tra “quaquaraqua”, “piramidi ribaltate”, “selfie” e “no al partito delle procure”
Pd, il tendine d’Achille è la legge elettorale: meglio non parlarne

Un infortunio al tendine di Achille, quello di Michele Emiliano, metafore calcistiche di berlusconiana memoria a iosa, l’App “Matteo Renzi, un cammino virtuale e condiviso” per sembrare moderni, ma alla Convenzione del Pd pre-primarie dell’ostacolo politico in agenda non si parla, anzi meglio cambiare l’agenda e in serata l’Ansa batte: “Una riflessione è in corso […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.