Patto delle fritture di pesce, nessun reato per De Luca

Archiviata l’inchiesta sull’accordo con i sindaci per i voti al Sì al Referendum
Patto delle fritture di pesce, nessun reato per De Luca

Il patto della frittura di pesce del 15 novembre 2016 all’Hotel Ramada tra Vincenzo De Luca e i sindaci per far votare sì al referendum costituzionale non è reato. Le accuse di istigazione al voto di scambio per il governatore Pd della Campania, difeso dall’avvocato Andrea Castaldo, vengono definitivamente archiviate. C’è la firma del Gip […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.