Patente finanziaria, la farsa per coprire il grande imbroglio

Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan è un raffinato intellettuale che ha sicuramente letto L’uomo senza qualità di Robert Musil. Ma non deve averlo, come suol dirsi, sufficientemente meditato, sennò ci avrebbe risparmiato la monumentale farsa del Comitato per l’educazione finanziaria. Alla vigilia del collasso dell’impero austro-ungarico, la classe dirigente viennese si concentra sulla preparazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.