Pasticcio Libia, ora è Haftar a sostenere il piano Onu

Tobruk e il suo generale pronti alle elezioni nel 2018, restio al-Sarraj, il premier voluto dalla comunità internazionale: popolarità in calo
Pasticcio Libia, ora è Haftar a sostenere il piano Onu

Dei tanti tasselli del puzzle mediorientale, il più difficile da mettere a posto è quello che più riguarda l’Italia, per i flussi dei migranti e per gli interessi economici e energetici: la Libia. C’è un’accelerazione nella ricerca d’un compromesso fra le fazioni libiche: i negoziati, ieri, sono pure passati per Roma, dopo che, venerdì, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.