Parlavano di “cupola”. “Non conta bravo o no. Conta è mio, è tuo”

Le intercettazioni - Al telefono e a cena le decisioni su chi premiare. Una soffiata finita con un suicidio
Parlavano di “cupola”. “Non conta bravo o no. Conta è mio, è tuo”

La commissione giudicante nazionale per l’insegnamento universitario avrebbe ratificato a valle l’abilitazione dei candidati alle cattedre di diritto tributario secondo logiche spartitorie decise a monte e a tavolino – meglio, a tavola – in altre sedi. Obbedendo così a quella che l’ex ministro Augusto Fantozzi, indagato, definiva scherzosamente tra una pietanza e l’altra in un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.