Paolo Ferrari, il paradosso dell’eternità in un Dash

Cosa resterà di noi? Ce lo chiediamo ogni volta che scompare un personaggio pubblico, quasi ogni giorno visto che sta scomparendo la prima generazione multimediatica (per questo abbiamo l’impressione che “si muoia di più”), e ogni volta ci ripetiamo che la memoria di chi va resterà nella memoria di chi resta. Nel caso di Paolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.