Palestina, un museo senza patria e pareti

La collezione di oltre 100 opere sarà trasformata nella prima mostra nazionale di arte contemporanea: un giorno aprirà a Gerusalemme, per ora la ospita Parigi
Palestina, un museo senza patria e pareti

Per ora è un museo in esilio che confida sulla solidarietà degli artisti di tutto il mondo. Ma un giorno il Museo nazionale di arte contemporanea di Palestina, che non ha ancora né un tetto né pareti, ma conta già un centinaio di opere, aprirà le porte al pubblico, tra cinque, dieci anni, forse venti, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.