“Palazzi, chat hot falsificata”. Ma resta indagato per i soldi

Salvato - La vicepresidente di “Mantua me genuit” ammette di aver taroccato i messaggi. La Procura: “Archiviare la tentata concussione”
“Palazzi, chat hot falsificata”. Ma resta indagato per i soldi

Colpo di scena a Mantova. A meno di un mese dall’iscrizione nel registro degli indagati, la Procura ieri ha chiesto l’archiviazione per il sindaco Pd Mattia Palazzi accusato di tentata concussione continuata. È la storia dei messaggini hot inviati alla vicepresidente dell’associazione culturale “Mantua me genuit”. Richieste, era scritto nel capo d’accusa, di carattere sessuale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.