Padoan cede all’Ue sui conti Ora deve spiegarlo a Renzi

Il ministro, in cambio di 14 miliardi di flessibilità sul deficit 2016 (già usati), ha promesso manovre pesanti fino al 2019. Il premier, però, non vuole farle
Padoan cede all’Ue sui conti Ora deve spiegarlo a Renzi

Jean Claude Juncker, alla fine, ha rispettato i patti. L’Italia ha ottenuto “flessibilità” sul deficit dello Stato pari allo 0,85% del Prodotto interno lordo (in soldi fa circa 14 miliardi). La decisione formale dovrebbe arrivare oggi, ma è un fatto ormai scontato. Il disavanzo italiano, a fine 2016, dovrà dunque attestarsi al 2,3% del Pil […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.