Owens e Kee-Chung, quando la storia insegna che lo sport è un valore

- Il giornalista Federico Buffa porta sul palco i racconti degli atleti che, alle Olimpiadi del ’36, hanno lasciato un segno nel mondo. E le poltrone della Sala Umberto sembrano le gradinate di Berlino
Owens e Kee-Chung, quando la storia insegna che lo sport è un valore

Manca solo la fiaccola olimpica, per il resto sembra quasi di vederle quelle falcate di Jesse Owens e di Sohn Kee-Chung sulla pista da corsa e le loro prodezze nell’atletica leggera; il rispetto nella rivalità con i loro avversari; i 120 mila assiepati sugli spalti a godersi una manifestazione rimasta nella storia dello sport, anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.